Come fare il caffè con la French Press: la ricetta passo per passo

Perché scegliere la French press?

Questo apparecchio è molto semplice da usare: basta versare acqua calda sul caffè macinato, lasciarlo in infusione per un po’, e poi premere sul filtro per avere il caffè. Non ha bisogno di corrente elettrica e nemmeno di filtri di carta usa e getta.

In questo articolo parliamo del suo funzionamento e i dettagli a cui fare attenzione per avere i migliori risultati. Questo non vale solo per il caffè: la puoi usare per filtrare il tè e creare schiuma di latte. C’è addirittura chi la utilizza per preparare la sangria!

Se non hai mai usato questa tecnica per fare il caffè, ecco tutto quello che devi sapere per sfruttare al meglio la tua French press.

La brew ratio per la French press

Se cerchi la ricetta ideale per la French press, vorrai sapere la quantità esatta di caffè e il volume preciso di acqua. Alcune ricette danno queste informazioni, mentre altre si basano sui rapporti tra caffè e acqua. Usare i rapporti è importante per adattare la ricetta in base a quanto caffè vuoi fare.

Questo rapporto resta sempre uguale e non dipende da quanto caffè vuoi preparare. Questo metodo è utile se ad esempio la capacità della tua French press è inferiore a quella richiesta dalla ricetta: se la ricetta usa 600 grammi d’acqua ma nella tua press ce ne stanno solo 400, puoi adeguare le quantità secondo la brew ratio.

Normalmente si usa un grammo di caffè ogni 16 grammi d’acqua (rapporto 1:16), ma non è una regola assoluta. È importante anche sperimentare con altri rapporti e personalizzare il proprio rituale del caffè per apprezzarlo al meglio.

Inizia con un rapporto di 1:15 o 1:16 e valuta il risultato. Se il caffè è troppo forte, prova un rapporto con più acqua, come 1:18. Se invece desideri un caffè più intenso, prova con un rapporto di 1:12 e vedi se il caffè ti piace di più.

Ricorda di mantenere le altre variabili sempre uguali quando stai sperimentando sulla brew ratio. Se modifichi allo stesso tempo macinatura, durata di infusione e rapporto caffè/acqua, non saprai mai quale dei parametri ha portato al risultato ottenuto. È consigliabile quindi mantenere costante la macinatura e la durata di infusione quando si sperimenta sulla brew ratio. Una volta trovata la proporzione che più ci piace, puoi provare a cambiare la macinatura, mantenendo costanti gli altri parametri.

Cosa serve per usare la French press in casa

Come per tutti i tipi di caffè, avrai bisogno di un minimo di attrezzatura specifica. Per fortuna questo metodo è relativamente economico rispetto ad altri. Ecco una lista degli attrezzi necessari per fare un buon caffè con la French press.

French Press

Ovvio, no? Qualunque French press può andar bene. A seconda delle esigenze e del budget, ci sono tante opzioni sul mercato. Tra i fattori da considerare per la scelta ci sono: materiale (vetro o acciaio), dimensione, portabilità, isolamento termico e così via. Per aiutarti a scegliere la migliore French press per tue esigenze abbiamo scritto un articolo sulle migliori French press.

Macinacaffè

Comprare i chicchi di caffè e macinarli al momento è il modo migliore per preservare tutti gli aromi e i gusti che un chicco può offrire. Questo aspetto è fondamentale soprattutto per la French press, dato che gli oli del caffè arricchiscono la texture senza però appesantire i sapori, rendendo quasi indispensabile l’uso di un macinacaffè a macina interna piuttosto che uno a lame, che potrebbe produrre particelle di dimensioni troppo piccole. Se non hai ancora un macinacaffè in casa, abbiamo dedicato un articolo che ti aiuterà nella scelta.

Bollitore elettrico

Uno dei vantaggi della French press è che non è necessaria una grande precisione nel controllare la temperatura. Anche se molte preparazioni di caffè necessitano di un bollitore a collo d’oca, per la French press va bene qualsiasi tipo di bollitore. È consigliabile scegliere un bollitore in acciaio inox isolato termicamente. Sono più efficienti in termini di consumi e ci evitano brutte scottature! Ci sono tante altre considerazioni da fare, come il termostato regolabile, la potenza e così via. Se non hai un bollitore in casa puoi anche usare un pentolino sul fornello, il risultato sarà lo stesso.

Il procedimento passo per passo

Per questa ricetta, immaginiamo di usare una French press da 1 litro, la dimensione più comune. Comunque, puoi adeguare le quantità secondo la brew ratio che preferisci.

Questi sono i passaggi da seguire:

  1. Fai bollire l’acqua: usa acqua in bottiglia o filtrata, e fai bollire più acqua di quella necessaria per il caffè, ne servirà un po’ anche per scaldare la French press. Per questa ricetta, useremo 600 grammi d’acqua, più un extra per il preriscaldamento.
  2. Riscalda la pressa: Le French press sono solitamente in vetro o acciaio e devono essere preriscaldate per mantenere stabile la temperatura durante l’estrazione. Se la temperatura dell’acqua scende troppo, l’estrazione dei sapori dal caffè macinato sarà incompleta. Versa un goccio d’acqua bollente, tieni la pressa con le mani e attendi che diventi tiepida.
  3. Pesa e macina i chicchi: la scelta del rapporto dipende da te: per questa ricetta usa un rapporto di 1:15, quindi macina 40 grammi di caffè. Puoi variare a seconda dei tuoi gusti (per un rapporto di 1:16, ad esempio, usa 37 grammi di caffè). Anche se molte ricette suggeriscono una macinatura grossa, sta a te decidere. Se non hai una macina in casa, puoi sempre rivolgerti ad una torrefazione locale e farti macinare i chicchi per la French press, loro sapranno cosa fare. Se stai pensando di comprare una macina, cosa che consiglio a chiunque beva caffè in casa regolarmente, puoi leggere il mio articolo dedicato alla scelta del macina caffè.
  4. Fai il “Bloom” dei chicchi: versa tutta l’acqua sulla polvere di caffè e lascia riposare caffè e acqua per un minuto. Questo processo, detto “blooming”, fa uscire la CO2 presente nei chicchi, evitando che disturbi l’estrazione.
  5. Mescola e lascia riposare: durante il bloom, si formerà strato di caffè di caffè in superficie: mescola con un cucchiaio o un bastoncino per eliminare grumi asciutti in modo che tutto il caffè venga bagnato. Poggia il pistone sulla caraffa per trattenere il calore, e lascia in infusione per altri tre minuti.
  6. Premi e servi: filtra il caffè premendo il pistone. Versalo subito in una caraffa isolata o in tazza per non prolungare troppo l’estrazione. Ora puoi goderti una tazza di caffè fatto con la French press!

Usi alternativi per la French press

Pensandoci bene, la French press non è altro che una caraffa con un filtro. Chi beve tè sfuso conosce sicuramente infusori simili. Se vuoi sperimentare con usi alternativi della tua nuova pressa, puoi iniziare con il tè sfuso! La French press può essere usata anche per filtrare brodi e anche altri liquidi in cucina, ma è importante pulirla accuratamente. Sarebbe meglio smontare il filtro e metterlo in lavastoviglie.

Un uso simpatico della French press è quello del montalatte. Muovendo il pistone su e giù si ingloba aria nel latte, ottenendo la schiuma caratteristica di bevande come i latte e i cappuccini. Richiede un certo impegno fisico, ma noterai che il latte inizierà a espandersi e a formare bolle dopo qualche istante.